Materiali futuristici per la realizzazione del tuo allestimento fieristico

Le aziende che decidono di partecipare ad una fiera devo subito pensare alla progettazione del proprio stand. Per ogni azienda lo stand fieristico è il proprio biglietto da visita, una vetrina, il luogo di incontro tra lo staff e i potenziali clienti. Lo stand è inoltre il luogo in cui l’azienda presenta i propri prodotti, i propri servizi e i propri valori. Esso deve essere accogliente e funzionale in modo da riuscire ad attirare il pubblico. Per realizzare uno stand perfetto è necessario seguire una precisa strategia di marketing.

Le aziende prima di progettare uno stand si pongono le seguenti domande:

  • “Quali sono i materiali che devono essere utilizzati?”
  • “Quali sono gli elementi che possono essere installati?”
  • “E’ meglio scegliere uno stand modulare oppure uno stand personalizzato e su misura?”
  • “Come dovrà essere progettata l’area espositiva?”

Di seguito troverete la risposta alle vostre domande.

Le aziende prima di procedere con la progettazione dello stand devono definire gli obiettivi, le strategie e il budget. Il costo di uno stand fieristico può variare in base alla progettazione dello stand, all’affitto dello spazio espositivo che varia da fiera a fiera e all’allestimento. A questi costi aggiungono anche i materiali, il costo dell’arredo, il costo delle tecnologie che verranno installate e il costo del trasporto.

Le aziende per catturare l’attenzione dei visitatori scelgono accuratamente i materiali del proprio stand. In base al settore di riferimento dell’azienda possiamo trovarci di fronte stand arredati in modo elegante, raffinato oppure informale. Negli ultimi tempi sempre più spesso gli stand utilizzano impianti e attrazioni molto sofisticate quasi dal design futuristico. Si tratta di un design all’avanguardia molto apprezzato soprattutto nel settore dell’ high tech.

Gli elementi installati maggiormente apprezzati sono quelli tecnologici che permettono di stimolare le emozioni dei visitatori e dei potenziali clienti e di farli vivere esperienze sensoriali indimenticabili.

Una volta comprese le esigenze dell’azienda, il budget a disposizione è possibile stabilire la tipologie di stand. Diversi sono i modelli di stand disponibili:

  • Stand di fila – solitamente è lo stand più economico. E’ aperto ad un solo lato;
  • Stand d’angolo – si tratta di uno stand che è aperto a due lati;
  • Stand a penisola – lo stand a penisola è aperto a tre lati. E’ molto apprezzato poiché riesce a colpire maggiormente l’attenzione dei passanti;
  • Stand a L – è uno stand che è aperto a tre o a quattro lati. Ha un grande impatto visivo , è molto apprezzato e per tale motivo non è sempre è disponibile perché viene quasi subito prenotato.
  • Stand isola – si tratta di uno stand che ha quattro lati aperti. Assicura grande visibilità.

Una volta stabilita la tipologia di stand è possibile studiare la disposizione delle aree funzionali (area espositiva – reception – area meeting – zona bar e magazzino) del suo interno ma soprattutto bisogna prestare la massima attenzione all’area espositiva. Quest’area è l’area principale dello stand poiché qui vengono esposti i prodotti realizzati dall’azienda.